Promo

Speciale PromoPromo

Eventi

Nuovo EventiEventi

Tourist Friends

Tourist Friends

Meteo in Puglia

Meteo in Puglia

Social Network

Seguici su Facebook

Home Escursioni Oltre i Confini della Puglia
Oltre i Confini della Puglia PDF Stampa E-mail

MateraIn bici e/o Segway con Puglia Open Tour alla scoperta di paesaggi suggestivi, storie magiche, luoghi mistici…

La città dei Sassi

I Sassi di Matera, antiche abitazioni scavate nel tufo di una profonda gravina, sono oggi inserite nell’elenco dei beni dell’UNESCO, patrimonio dell’umanità.

A Matera, in epoche lontanissime, gli uomini avevano trovato rifugio in case – grotte affacciate su un burrone, nella cavità di due speroni rocciosi, il Sasso Caveoso e il Sasso Barisano. Poi, nei secoli, le grotte vennero ampliate, si costruirono le facciate in muratura, formando un complesso di case, scalette di collegamento, viuzze ripide e minuscole piazze. Oggi, molte di queste abitazioni sono state ristrutturate e sono diventate il simbolo stesso di Matera, detta appunto la città dei Sassi, ed è stato riconosciuto lo straordinario interesse ambientale e urbanistico dell’intero complesso monumentale.

Negli ultimi anni, inoltre, è stata accertata l’esistenza nel Materano di 137 cripte o chiese rupestri ipogee contenenti affreschi, preziosa testimonianza della pittura sacra dall’VIII al XII secolo. In queste montagne nascoste, fatte di tufo facile da scavare, approdarono fin dal VII secolo numerosi monaci fuggiti dall’Asia e dall’Africa sotto la minaccia delle invasioni arabe e persiane. Altre vi giunsero da Costantinopoli al tempo di Leone III, altri ancora dalla Sicilia, scacciati dall’invasione mussulmana, tutti trovarono asilo in questa regione “carsica”, nelle grotte che si aprono nelle ripide pareti dei rilievi.

Puglia Open Tour, in collaborazione con i principali Tour Operator italiani, propone le seguenti escursioni:

  • MATERA - il fascino di una città antichissima
  • TOUR AL RIONE  SASSI - CHIESE RUPESTRI E MUSEI
  • MATERA BY NIGHT ESCURSIONE NOTTURNA  AI SASSI
  • MATERA - Tra prodotti tipici ed artigianato

Una Costa incantata

AmalfiDa Positano a Vietri sul mare, la costiera Amalfitana si snoda lungo 35 chilometri di roccia sovrastante il mare: un percorso tra i più emozionanti d’Italia, ricco di profumi e di colori, scandito dalla successione di borghi un tempo marinari ed ora turistici. Così Positano, piramide di piccole case arroccate sulle pendici dei monti Comune e Sant’Angelo a Tre Pizzi: niente chiese famose, nessun museo da visitare, ma un piccolo mondo incantato di case quadrate con il tetto a cupola e un’atmosfera che ha rapito nei secoli molti viaggiatori, specie stranieri.

E poi Amalfi, raccolta in un angusto spazio, fra il monte e il mare, con la cascata di bianche case che si spingono lungo la stretta Valle dei Mulini, le sue viuzze di cui alcune coperte, i suoi angoli su cui si affacciano antichi palazzetti e architetture medievali. Sopra un’alta scalinata domina la facciata del Duomo che, originario del IX secolo, è stato ricostruito in forme arabo - normanne nel 1203 e rimaneggiato ancora nel 700.

A circa 7 chilometri da Amalfi, sorge Ravello, forse il più bel paese della costiera, lontana dai fasti mondani e circondata da un’aura di raffinatezza intellettuale.

Sono tanti i centri o le piccole frazioni che arroccate su un colle sospeso tra terra e mare offrono splendide viste e una tranquillità difficile da trovare a così poca distanza dal capoluogo campano.

Paesaggi suggestivi

Una sera al tramonto godendosi lo spettacolo del Vesuvio che domina il Golfo di Napoli e quello di Salerno, C. Dickens osservava “la terra più bella del mondo si apre davanti a noi”… all’orizzonte Capri, con le sue ripide scogliere e la sua rigogliosa vegetazione.

E ancora Procida e Ischia, o facendo un passo indietro nella storia Pompei ed Ercolano, oppure Paestum per sfuggire al rumore della folla.

Davanti ai nostri occhi si dischiude un universo di storia, arte, cultura, natura e civiltà che ha pochi euguali nel mondo.

E Napoli, è la città più grande e famosa del mezzogiorno, metropoli fin dall’antichità, ricchissima di storia, di cultura, d’arte di ogni tempo in un ambiente urbano e sociale di straordinario interesse.

Napoli,  è situata in posizione pressoché centrale nell'omonimo golfo, tra il Vesuvio e l'area vulcanica dei Campi Flegrei. Il suo patrimonio artistico e architettonico è tutelato dall'UNESCO, che nel 1995 ha incluso il centro storico di Napoli, il più vasto d'Europa, tra i siti del patrimonio mondiale dell'umanità.

Fu fondata dagli abitanti di Cuma nel 475 a.C. come Neapolis in una zona più bassa rispetto ad un insediamento precedente, fondato nel VII secolo a.C. da coloni greci. Annoverata tra le principali città della Magna Grecia, nel corso della sua storia Napoli ha visto il susseguirsi di lunghe e numerose dominazioni straniere, rivestendo una posizione di rilievo in Italia e in Europa.

La città storica è andata sviluppandosi preminentemente sulla costa; il primo nucleo della città fu costituito dall'isolotto di Megaride, ove coloni greci diedero avvio al primo emporio commerciale che comportò lo sviluppo della città odierna.

Il territorio di Napoli è composto prevalentemente da colline sulle quali sono nati veri e propri quartieri e/o rioni storici, ma anche da isole, insenature e penisole a strapiombo sul Mar Tirreno.

Un elenco dei suoi musei, degli edifici storici, delle case da vedere o visitare occuperebbe decine di pagine. Dalle più antiche civiltà fino all’epoca borbonica, tutti i popoli che si sono succeduti lungo le coste del golfo hanno lasciato tracce importanti che rivivono negli scavi archeologici, nelle regge e nei palazzi signorili, nelle splendide chiese, in una trama di edifici talvolta degradati ma che conservano la maestà e la grazia delle forme originali, che stanno finalmente tornando ad occupare il posto che spetta loro nella storia  della cultura Europea.

Da visitare: monumenti, architetture religiose, architetture militari, residenze reali, castelli tra i quali citiamo “il maschio Angioino”, “Castel dell’Ovo”, “Castello Aselmeyer”, “Castel Sant'Elmo”, e ancora, torri difensive, architetture civili, palazzi Signorili, ville, fontane.

Le Isole degli Dei

Le Isole degli DeiA 17 miglia di mare da Napoli, sorge Capri, l’isola dove il tempo sembra scorrere più lento e dolce che in ogni altro luogo.

Un nome ancora mitico nella mappa internazionale delle vacanze dove darsi appuntamento e rifugiarsi nella quiete delle ville. Ogni giro parte e si conclude nella piazzetta, in cui nel 1938 Raffaele Vuotto piazzò i primi tavolini all’aperto, con i suoi quattro bar racchiusi tra la Torre dell’Orologio, il Municipio e la chiesa di Santo Stefano. Se Capri è sinonimo di dolce vita e Procida rimane l’isola selvaggia, Ischia merita senza dubbio il titolo di isola della salute e della natura. Decine di stabilimenti termali, un insieme di fanghi e vapori, e una flora rigogliosa, da cui deriva il nome di Isola Verde, fanno da cornice ad una struttura alberghiera di prim’ordine. Si aggiungono a tutto ciò le tracce di una cultura che ha origine dai Greci e i piccoli paesi di cui è costellata l’isola, ognuno con le sue particolari bellezze da scoprire.

La Costa del Cilento

Le alte scogliere, le grotte oscure in cui penetra il mare e qualche raggio di sole che crea riflessi colorati, le pareti rocciose che assumono strane e bizzarre forme e mostrano aperture spettacolari, hanno alimentato la fantasia degli uomini: molte storie infatti narrano di personaggi leggendari, eroi e mostri, che sono vissuti da queste parti.

Tra le grotte vi è quella di Polifemo, leggendario gigante con un solo occhio che cercò di affondare la nave di Ulisse.

La più famosa è però, la Grotta Azzurra che si apre in una rientranza della costa rocciosa: dal soffitto pendono numerose stalattiti e nell’ora del tramonto, quando il sole si abbassa sull’orizzonte e illumina l’apertura della grotta, l’acqua assume colorazioni azzurrine e una eccezionale trasparenza.

Tutta la costa del Cilento è ricoperta dalla vegetazione mediterranea: ulivi ultracentenari, fichi d’india e lecci formano macchie di colore diverso, che rendono questa costa tra le più belle e suggestive d’Italia.

Puglia Open Tour propone le seguenti escursioni:

  • Napoli;
  • Salerno e costiera Amalfitana: Vietri sul mare - Amalfi – Positano
  • Cilento: Parco Nazionale del Cilento - Paestum e la sua zona archeologica - Agropoli - Marina di Camerota, principale località del comune di Camerota, si affaccia al mare del Cilento a poche miglia dalla punta degli Infreschi, che segna l'inzio del golfo di Policastro.
  • Palinuro;

E scendendo:

  • Maratea, nota per il santuario del patrono e la gigantesca statua del Redentore che veglia sul golfo di Policastro: Sapri - Acquafredda - Rotondella – Fiumicello  Santa Venere.
  • Castrocucco.

PUGLIA OPEN TOUR può personalizzare il vostro itinerario di viaggio in base alle vostre esigenze.

 

{ppgallery}phocagallery/oltreconfini/{/ppgallery}

 

 

Le nostre Escursioni

Prova il Segway

Sfoglia il Volantino

Partner & Sponsor

Garden Preziosi Gioelleria

Bisciù

Vedi tutti...